FESTIVAL: MARCUZZI MADRINA ROMAFICTIONFEST

ROMA (ITALPRESS) – Sara’ l’attrice e conduttrice Alessia Marcuzzi la madrina della sesta edizione del RomaFictionFest, la manifestazione dedicata alla grande fiction italiana e internazionale, diretta da Steve Della Casa, promossa dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata da Sviluppo Lazio e Associazione Produttori Televisivi, (APT) che si terra’ dal 30 settembre al 5 ottobre all’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Alessia Marcuzzi, protagonista di fiction di successo come “Carabinieri” e “Cosi’ fan tutte” sara’ il volto femminile della sesta edizione della kermesse internazionale.
Dopo la gia’ annunciata apertura del festival con l’anteprima della miniserie “Questo nostro amore”, con Anna Valle e Neri Marcore’, sara’ la volta di un altro grande titolo italiano a chiudere il programma di anteprime di quest’edizione: Pupetta. Una storia italiana. La fiction prodotta da Ares Film per Mediaset e diretta da Luciano Odorisio verra’ proiettata in anteprima giovedi 4 attobre e vede nei panni della protagonista Pupetta, Manuela Arcuri. Quella di Pupetta. Una storia italiana e’ il racconto della giovane ragazza, Assunta Maresca detta “Pupetta” che, incinta di sei mesi, uccide nel 1955 in un bar di Napoli il killer di suo marito, il camorrista Pasqualone ‘e Nola. Una fiction che ripercorre una delle vicende di cronaca piu’ controverse tra gli anni ’50 e ’60. (ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi