Sanità / Codacons: Bene stretta su giochi ma vietare le pubblicità 

“Così come avviene con le sigarette”

Roma, 11 set. (TMNews) – Il Codacons apprezza la stretta sui giochi contenuta nell’ultima versione del decretone sanità , approvato la scorsa settimana in Consiglio dei ministri: “L`associazione – si legge in una nota – promuove la decisione di imporre l`indicazione obbligatoria delle probabilità  di vincita sulle schedine e sui tagliandi di tali giochi, oltre che su slot e videolotteries, così come le avvertenze sui rischi legate alle dipendenze, ma ritiene si debba fare di più”. Per il presidente del Codacons Carlo Rienzi “le pubblicità  dei giochi, in tv come sulla carta stampata, sui cartelloni stradali o su internet, vanno vietate in senso assoluto. Il martellamento pubblicitario costante cui sono sottoposti i cittadini influisce infatti in modo rilevante sul diffondersi delle ludopatie, fenomeno che va reciso alla radice”. Sulla vicenda dei fondi dell’Opera Nazionale Assistenza Orfani Medici Sanitari Italiani, il Codacons ribadisce infine che “i 450 milioni di euro di contributi pagati dai medici italiani per l’Onaosi, vanno assolutamente restituiti ai 750.000 medici che li hanno versati. Ciò sulla base di quanto stabilito dalla Corte Costituzionale che si è espressa in tal senso”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro