MISS ITALIA: FRIZZI, ADDIO NELL’EDIZIONE PIU’ BELLA

DOPO 17 ANNI, GRAZIE A RAI SONO UN USATO GARANTITO

(ANSA) – MONTECATINI TERME (PISTOIA), 11 SET – “Ho dato il massimo, di più non potevo fare. Dopo 17 anni di conduzione, di cui 15 consecutivi, lascio Miss Italia, che rimarrà  nel mio cuore e a cui auguro di continuare a crescere al passo con i tempi. Questa senza dubbio è stata la mia edizione più bella. Non chiudo la porta al futuro, mai dire mai”. Fabrizio Frizzi nella conferenza stampa di chiusura di Miss Italia 2012, alle Terme Tettuccio di Montecatini, fa un bilancio del lavoro svolto alla direzione artistica e conduzione dell’evento rivolgendo un particolare ringraziamento “alla Rai che mi tiene in buon conto. Evidentemente – ironizza – sono un usato garantito”. In particolare il popolare conduttore che ritroveremo dal 19 settembre in prima serata con il programma ‘Per tutta la vita’ in coppia con Natasha Stefanenko fa notare a Rai 1: “Il mio grazie più sentito perché mi ha sempre dato la possibilità  di sperimentare pur nella tradizione”. Quanto alla vincitrice del popolare concorso di bellezza curato da Patrizia Mirigliani, Frizzi ha sottolineato “quest’anno è stata una competizione davvero dura, posso dire con certezza che mai avevo visto un livello così alto tra le concorrenti tanto da mandare in tilt la giuria. Sicuramente Giusy ha meritato la corona”. Il conduttore ha poi fatto notare che “tutte le persone che hanno lavorato per Miss Italia hanno svolto, a cominciare da Patrizia Mirigliani, un grandissimo ruolo, io solo negli ultimi tre giorni ho perso tre chili”. Infine Frizzi ha voluto dedicare a tutte le concorrenti l’ultimo singolo di Cesare Cremonini ‘I love you’. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi