ANSA/ FACEBOOK: ZUCKERBERG, TITOLO DELUDENTE, FUTURO E’ MOBILE

PRIMA A.D. DA IPO, NO A NOSTRO TELEFONO, NON HA SENSO

(ANSA) – NEW YORK, 11 SET – La perfomance dei titoli Facebook “é stata ovviamente deludente finora” ma “non è la prima volta che abbiamo alti e bassi”: “molti ci sottovalutano” ma é un “buon momento” per scommettere sul futuro della società . La prima uscita dall’initial public offering di Mark Zuckerberg, l’amministratore delegato di Facebook, ha come effetto quello di spingere il social network: una sorta di iniezione di fiducia che mette le ali ai titoli, che arrivano a guadagnare – nelle contrattazioni after hour – oltre il 4% e rivedono quota 20 dollari. Zuckerberg, con la consueta maglietta grigia, i jeans e le sneakers, sale sul palco della conferenza TechCrunch e cerca di rassicurare sulla società  dopo la debacle dell’ipo, con i titoli che dallo sbarco in borsa sono arrivati a perdere il 50%. Nella strategia di Facebook il ruolo centrale lo avrà  il ‘mobile’, soprattutto per i prossimi 3-5 anni. E Zuckerberg precisa: “Non stiamo producendo un nostro telefono, sarebbe una strategia sbagliata, non avrebbe senso. Quello che vogliamo è costruire un sistema il più integrato possibile in tutti i dispositivi che la gente vuole usare”. La volatilità  dei titoli “non aiuta” il morale di Facebook, comunque i dipendenti sono abituati alla stampa che dice cose buone o cattive” quello che li motiva è realizzare “cose di cui sono orgogliosi”. Sia i nuovi dipendenti sia quelli all’interno della società  “ricevono azioni, e se queste sono sottovalutate oggi, varranno di più in futuro. E’ un ottimo momento per stare in Facebook e per raddoppiare”. Il settore della telefonia mobile è il futuro: “Io vivo praticamente con il mio cellulare. Ci ho scritto la lettera allegata all’ipo” mette in evidenza Zuckerberg. Il mobile offre “grandi opportunità “, così come è interessante la direzione della ricerca online. “I motori di ricerca si stanno evolvendo per fornire molte risposte. Facebook è posizionata in modo unico per rispondere a molte domande”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)