Facebook: titolo guadagna terreno, ma analisti rimangono cauti

MILANO (MF-DJ)–Il titolo Facebook ha guadagnato terreno dopo il discorso del fondatore Mark Zuckerberg in occasione della conferenza TechCrunch Disrupt di San Francisco. Non tutti gli analisti si sono pero’ detti soddisfatti.  Laura Martin di Needham Research ha commentato in una nota ai clienti che Facebook non ha saputo trarre vantaggio tempestivamente dalla transizione dei consumatori dal web ai dispositivi mobili. L’analista ha tagliato il target price per 12 mesi di oltre un terzo da 40 usd a 25 usd, ma ha mantenuto la raccomandazione buy.  Ken Sena di Evercore Partners ha tagliato il target price del social network da 34 usd a 23 usd, mantenendo il rating a equalweight.  L’intervento di Zuckerberg di ieri e’ stato il primo dopo il debutto in borsa del social network. Il fondatore ha spiegato la sua strategia ammettendo di avere commesso errori di valutazione come aver dato troppa rilevanza alla tecnologia Html5 senza considerarne altre.  Altri quattro analisti hanno valutato positivamente le parole del fondatore di Facebook e tutti hanno mantenuto il rating sul titolo all’equivalente di “buy” senza alzare il target price

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)