FILM ANTI ISLAM: PRODUTTORE, NESSUN RIMORSO

(ANSA-AFP) – AMMAN, 14 SET – “No, non me ne pento. Sono addolorato per la morte dell’ambasciatore Usa, ma non mi pento di averlo fatto”. Così il sedicente produttore del film anti-islam ha commentato l’ondata di proteste scatenate dalla pellicola in molti paesi musulmani e che in Libia hanno provocato la morte dell’ambasciatore Usa e di altri tre funzionari. L’uomo ha detto alla radio americana in arabo di chiamarsi Nakoula Basseley Nakoula e di essere un copto di 55 anni che vive in California. (ANSA-AFP)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo