TV: MENTANA, NE’ BERLUSCONI NE’ DE BENEDETTI E NEMMENO TG1

NON SONO UN UOMO PER TUTTE LE STAGIONI

(ANSA) – ROMA, 16 SET – “Certi Guelfi o Ghibellini vedono la mia presa di posizione come una sorta di tardiva riproposizione dell’antiberlusconismo. Ma c’é chi non ricorda, o non vuole ricordare, che un anno fa dissi più o meno la stessa cosa quando si parlò di un possibile interesse di Carlo De Benedetti. Dissi che la situazione migliore per La7, per la sua libertà , è un editore non ‘sessuato’ politicamente”. Lo dice al Corriere della Sera Enrico Mentana, direttore del telegiornale di La7. “Ho già  fatto la mia parte di strada con Mediaset – sottolinea -. Un lungo periodo fatto anche di momenti esaltanti e di completa libertà  di decidere ciò che volevo”, ma “non siamo uomini per tutte le stagioni. Almeno non lo sono io. Non dimentico che sono arrivato qui a La7 dopo essere stato licenziato in tronco in una notte da Mediaset, e non ero l’ultima ruota del carro. Non serbo rancore. Ma ero diventato incompatibile con un progressivo andazzo di quell’azienda”. Per Mentana c’é anche “un nodo legato al mercato. Il successo de La7, e del nostro Tg, sta nell’impasse del duopolio Rai-Mediaset. In quel blocco che ha dimostrato la loro impossibilità  di ‘essere normali’. Cioé liberi e indipendenti”. Il giornalista ribadisce il suo ‘no’ all’ipotesi di assumere la direzione del Tg1: “Parliamo di una Rai che continua, nonostante i diversi nomi al comando, ad essere emanazione diretta del sistema dei partiti”. Un intervento di Monti? “Non vedo quale ruolo abbia” in tutto questo. “Esistono le regole. Delle due, l’una. O le leggi attuali, e l’antitrust, permettono a Mediaset un possibile acquisto degli asset televisivi di Telecom. E Monti non c’entra. O non lo permettono. E Monti non c’entra”. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi