Le grandi aziende italiane snobbano Linkedin

Solo poche grandi aziende in Italia usano proficuamente i social network professionali. Si distinguono, tra tutte, Edison, Eni, Fiat, Indesit, STMicroelectronics e Telecom Italia. Le altre imprese italiane snobbano o quasi queste piattaforme. Lo conferma una ricerca pubblicata nel mese di settembre 2012 condotta da  Lundquist, società  di consulenza specializzata nei media on line.
I risultati della ricerca evidenziano che due terzi delle maggiori 100 società  italiane non ha una presenza gestita su LinkedIn, il più importante social network di questo tipo. Al contrario i dipendenti di queste società  sono presenti in massa su Linkedin: sono infatti oltre 115mila quelli che pubblicano il proprio profilo professionale sul social network. E il numero di utenti che seguono queste aziende (follower) è circa il triplo.
Lundquist, fondata e guidata da Joakim Lundquist, nei giorni scorsi ha inaugurato la sua nuova sede a Milano; da Piazza 25 Aprile –  dov’è nata sei anni fa – la società  si è trasferita in Piazza Borromeo a 200 metri da Piazza Affari.

-Lundquist su Linkedin: la ricerca (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica