TV: FICTIONFEST SEMPRE PIU’ SOCIAL E SI FA IN QUATTRO

ANCHE IL MATTATORE DEL WEB MACCIO CAPATONDA

(ANSA) – ROMA, 19 SET – Da Facebook a Twitter passando per i più innovativi Tumblr e Pinterest. Il web per distrarsi, per restare sempre aggiornati sulle proprie serie preferite e per riflettere. Con questo spirito il RomaFictionFest giunto alla sesta edizione in programma a dal 30 settembre al 5 ottobre, apre definitivamente al mondo social e 2.0. Oltre al sito ufficiale www.romafictionfest.org, dov’é possibile trovare tutto ciò che riguarda il festival (programma, accrediti e news), sono tanti i social network ufficiali della kermesse dedicata alla fiction internazionale e ai suoi beniamini per raccontare il festival attraverso le fotografie dei protagonisti. Quattro network per restare sempre connessi e commentare il festival in tempo reale, mentre per i più nostalgici c’é anche una pagina Flickr, con il meglio delle foto ufficiali delle passate edizioni. Nella sezione delle web series oltre ai titoli già  annunciati come Youtubers e Fable Girls, tornata al RomaFictionFest il “mattatore del web” Maccio Capatonda con la presentazione in anteprima di Babbala e il Ragazzo Idiota (Flop Tv); mentre dall’America arriva in anteprima per il festival la stagione di Husbands, la storia divertente di due uomini che dopo aver bevuto troppo si trovano sposati a Las Vegas. Anche quest’anno “padrino” della sezione web sarà  il giornalista e autore Andrea Materia uno dei maggiori esperti di web content e social media che modererà  gli incontri con i protagonisti e i creatori delle serie web del RomaFictionFest.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi