Relazione semestrale Rai – 30 giugno 2012

“Cari Colleghi, in allegato trovate una breve presentazione dei risultati semestrali consolidati del Gruppo Rai al 30 giugno 2012 approvati nella seduta del Consiglio di Amministrazione di oggi”. Inizia cosi la mail inviata il 19 settembre 2012   dal direttore della Rai Luigi Gubitosi ai dipendenti del gruppo con allegato un   documento denso di numeri e cifre che racconta senza ipocrisie la situazione economica e finanziaria dell’azienda alla chiusura del primo semestre 2012.
Un bagno di verità  e un pugno nello stomaco del popolo della Rai che viene chiamato a collaborare per affrontare la difficile situazione che registra “una perdita di bilancio pari a 129 milioni di euro, in peggioramento di 178 milioni rispetto ai primi sei mesi del 2011. Il secondo semestre del 2012 registrerà  un’ulteriore perdita, anche se di entità  inferiore rispetto ai primi sei mesi dell’anno, raggiungendo un importo complessivo nell’intorno di 200 milioni di euro al 31 dicembre 2012”.

“Abbiamo in Rai le professionalità  che ci occorrono per ribaltare il trend negativo, riportando in equilibrio i conti e generando le risorse necessarie per modernizzare l’azienda e investire sul prodotto, ma servirà  un grande sforzo da parte dell’intera azienda”, scrive il dg che dice di essere “a disposizione con lo staff di Finanza e Pianificazione per rispondere a qualsiasi domanda” che può essere inviata al suo indirizzo posta elettronica.

– La relazione Rai del primo semestre 2012 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2019 ogni settimana il 61% degli europei ha guardato il servizio pubblico del proprio paese. Dati Ebu: tg e news i programmi più offerti

Nel 2019 ogni settimana il 61% degli europei ha guardato il servizio pubblico del proprio paese. Dati Ebu: tg e news i programmi più offerti

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

I contenuti streaming al top nei consumi media. Brightcove: tv connesse e smartphone i più usati

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%

Home entertainment, boom Svod e non lineare in lockdown. Univideo: consumo digitale cresciuto del 73%