Rai/ Butti: Inconcepibile nominare dirigenti esterni

Roma, 20 set. (TMNews) – “Nel momento in cui, insistentemente, il presidente ed il direttore generale della Rai fanno presenti le difficoltà  economiche e finanziarie dell’azienda, risulta inconcepibile che poi vengano scelte figure esterne come Camillo Rossotto e Costanza Esclapon per ricoprire rispettivamente gli incarichi di direttore finanziario e di direttore della comunicazione e delle relazioni esterne”. E’ quanto afferma in una nota Alessio Butti, capogruppo Pdl in commissione di Vigilanza Rai.”Non esprimiamo giudizi – spiega – sulla validità  di queste persone, ma ci appare difficile credere che in Rai non ci fossero professionalità  adeguate per rivestire tali ruoli”.”Primo scivolone da parte della nuova gestione”.E’ assordante e fastidioso il silenzio con cui la politica ed il centrosinistra in particolare hanno accolto queste decisioni inusuali ed è ancor più fragoroso il silenzio dell’Usigrai che nulla ha da obiettare sulla scelta di mettere al vertice della comunicazione Rai una persona non iscritta all’ordine dei giornalisti e per di più esterna all’azienda”.A giudizio di Butti, “con le scelte compiute ieri registriamo il primo scivolone da parte della nuova gestione Rai. Nessuno avrebbe invece interferito con Gubitosi se, in un momento di austerity, avesse preso in considerazione figure professionali altrettanto valide ma interne all’azienda, con un evidente risparmio dei costi. Di questo gli chiederemo conto – conclude – nell’audizione in Commissione di Vigilanza Rai prevista per la prossima settimana”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi