TV: MINZOLINI TORNA A SMENTIRE FIRMA MEDIASET

(ANSA) – TORINO, 20 SET – “Vi rimando alla mia dichiarazione di ieri”. Così Augusto Minzolini risponde all’ANSA ad una domanda sulle voci di un suo passaggio a Mediaset, ribadendo quindi di non aver firmato nulla. Nelle ultime ore, a seguito del comunicato dei cdr di Mediaset che esprimevano perplessità  sulla possibile scelta di assumere il giornalista, si sono diffuse voci di una firma imminente dell’ex direttore del Tg1, che arriverebbe ad ottobre per condurre poi Matrix a partire da gennaio. Nessuna conferma arriva però da Cologno Monzese, che ieri con il direttore per l’informazione, Mauro Crippa, aveva smentito la firma, affermando che l’eventuale chiusura di un contratto sarebbe stata immediatamente comunicata. Il giornalista, rinviato a giudizio per peculato per la vicenda delle spese con la carta di credito Rai, è in attesa di una sentenza che potrebbe arrivare a metà  ottobre. Minzolini, ora a capo dei corrispondenti esteri, era stato rimosso dalla direzione del Tg1 dopo il rinvio a giudizio e nel giugno scorso aveva spiegato di essere pronto a tornare alla guida del Tg1 se verrà  assolto, “anche in primo grado”. “Lo dice la legge applicata dalla Rai per sostituirmi”, aveva spiegato. Per questo c’é chi sostiene che il giornalista potrebbe attendere la sentenza prima di prendere qualsiasi decisione sul suo futuro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi