Tv/ascolti: Rai, bene Porta a porta in seconda serata

(ASCA) – Roma, 21 set – Sono stati 4 milioni 412 mila (share 15.85) i telespettatori che ieri, giovedi’ 20 settembre, hanno seguito su Rai1 il primo episodio de ”Il commissario Nardone”, la fiction interpretata da Sergio Assisi, mentre il secondo episodio ha ottenuto un seguito di 4 milioni 273 mila spettatori pari al 18.92 di share. La serata televisiva prevedeva su Rai2 ”Pechino express” che ha realizzato 1 milione 794 mila spettatori e uno share del 6.81. Su Rai3 il film ”007 Il mondo non basta” ha registrato 1 milione 151 mila spettatori e il 4.34 di share. Ottimo risultato nella seconda serata di Rai1 per ”Porta a porta”: il programma condotto da Bruno Vespa e’ stato visto da 1 milione 390 mila spettatori con uno share del 16.14. Da segnalare su Rai1 alle 14.15 ”Verdetto finale” con 1 milione 607 mila spettatori e uno share dell’11.08 e a seguire la prima parte de ”La vita in diretta” con 1 milione 738 mila e il 20.35. Bene nell’access prime time ”Affari tuoi” con 4 milioni 747 mila e il 16.70. Per i canali digitali nella giornata di ieri: su Rai News ”Il caffe”’ ha realizzato il 3.68 di share con 157 mila spettatori; sempre bene nel pomeriggio di Rai YoYo gli episodi di Peppa Pig (2,71% con 225.850 spettatori) e Timmy Time ( 2,67% con 221.713 spettatori).
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi