Universal: Ue approva fusione con Emi

BRUXELLES (MF-DJ)–Le autorita’ dell’Unione Europea hanno approvato l’offerta da 1,9 mld usd avanzata da Universal Music Group’s per la divisione musicale dell’iconica societa’ britannica Emi Group. L’ok delle autorita’ e’ tuttavia condizionato, l’Ue chiede infatti a Universal di cedere molte tra le piu’ importanti etichette di Emi, con i rispettivi diritti. Oltre alle numerose dismissioni, l’Unione Europea vuole che Universal, controllata di Vivendi, ceda la quota del 50% di Emi nella joint venture Now! That’s What I Call Music Compilation e che stabilisca le condizioni per contratti futuri da offrire ai clienti digitali. La decisione segna la fine di un lungo processo di trattative in cui Universal ha dovuto ricorrere a diverse misure per placare le apprensioni delle autorita’ sulle conseguenze che l’accordo avrebbe avuto sulla concorrenza In Europa. Per Universal e Vivendi potrebbe essere difficile recuperare il valore delle attivita’ che deve cedere. La societa’ dovra’ infatti vendere asset di Emi che generano circa 350 mln euro di ricavi all’anno in Europa, tra cui l’etichetta Parlophone, un gioiello per Emi, visto che include i Coldplay, i Queen e i Gorillaz, dichiara una fonte vicina alla notizia, aggiungendo che i diritti sui Beatles rimarranno invece in mano a Universal. Inoltre, il gruppo dovra’ abbandonare le divisioni di Emi in 10 Paesi europei, tra cui Francia, Spagna, Svezia e Polonia. Anche i marchi minori Ensign and Mute, Virgin Classics e Chrysalis saranno ceduti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo