àˆ boom per gli accessi al web da smartphone

L’accesso mobile alla Rete cresce in modo esplosivo. Lo conferma lo studio condotto dalla società  di ricerche Human Highway per conto di Liquida (l’aggregatore di contenuti di Banzai) intitolato ‘Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell’informazione di attualità ‘.
Nel giro di un anno la percentuale di utenti Internet settimanali che accede alla Rete da dispositivo mobile (netbook e tablet esclusi) è passata dal 28% (maggio 2011) al 39% (maggio 2012). Si tratta di oltre dieci milioni di individui che oggi usano abitualmente telefoni mobili evoluti (smartphone, iPhone) per navigare sul web, consultare la posta elettronica, utilizzare apps. In termini assoluti, nell’ultimo anno a questo insieme si sono aggiunti oltre tre milioni di persone. In altre parole il mobile web è ormai un mezzo mainstream. Lo studio di Human Highway rivela che le app d’informazione più popolari sono quelle di Repubblica, che ha la base utenti più estesa (19%), TgCom (17,5%) e Corriere della Sera (16%); seguono Ansa (9,0%) e La Gazzetta dello Sport (6,9%), e una lunga coda di diverse decine di app citate spontaneamente dalle persone intervistate. Le app d’informazione che contano su una base utenti superiore alle 100mila unità  non sono più di una decina.

– L’informazione mobile 2012 (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

Covid: oltre 70mila contenuti generati online dalle parole dei virologi. Reputation Science: troppe informazioni, tra incoerenza e divergenze

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica