Italia digitale, direttore cercasi

Condividi

“Una comprovata qualificazione professionale in materia di innovazione tecnologica, un’esperienza di elevato livello nella gestione di processi di innovazione, tanto nel settore pubblico quanto nel settore privato e un’elevata competenza nella gestione delle risorse umane”. Sono le doti rischieste al futuro direttore generale dell’Agenzia per l’Italia digitale, l’organismo che dovrebbe aiutare il nostro Paese a entrare in modo adeguato (anche se con grande ritardo) nel terzo Millennio. L’Agenzia rappresenta uno snodo cruciale in particolare per la pubblica amministrazione, di cui gestirà  infatti tutti i processi di digitalizzazione e ammodernamento.
La Gazzetta ufficiale ha pubblicato il 17 settembre l’avviso per la selezione, ripreso nel sito della presidenza del Consiglio, che propone anche il testo integrale del bando. Per presentare le candidature c’è pochissimo tempo: il termine ultimo è il 2 ottobre (15 giorni dopo la pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta ufficiale).

L’articolo è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 431 – settembre 2012