da caporedattore responsabile della redazione romana di ‘Tuttosport’ e coordinatore di ‘Tuttosport.com’ a direttore di ‘Leggo’

“C’è una differenza tra l’essere e il fare il giornalista. Io sono un giornalista”. Alvaro Moretti, romano, classe 1965, sottolinea quel ‘sono’ non tanto con orgoglio (che pure c’è), ma con l’idea che se ‘sei’ giornalista, lo sei sempre, dovunque, con qualsiasi strumento ti trovi tra le mani, che sia una penna, un computer o Twitter. Il suo quadro astrale diceva che avrebbe dovuto guidare gli aerei (ufficiale dell’Aeronautica, aveva seguito un corso all’Alitalia), ma lui niente: “Volevo fare il giornalista, anzi: essere giornalista fin dalla quinta elementare, quando un mio tema sul terremoto del Friuli fu premiato”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 431 – settembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future