da caporedattore responsabile della redazione romana di ‘Tuttosport’ e coordinatore di ‘Tuttosport.com’ a direttore di ‘Leggo’

“C’è una differenza tra l’essere e il fare il giornalista. Io sono un giornalista”. Alvaro Moretti, romano, classe 1965, sottolinea quel ‘sono’ non tanto con orgoglio (che pure c’è), ma con l’idea che se ‘sei’ giornalista, lo sei sempre, dovunque, con qualsiasi strumento ti trovi tra le mani, che sia una penna, un computer o Twitter. Il suo quadro astrale diceva che avrebbe dovuto guidare gli aerei (ufficiale dell’Aeronautica, aveva seguito un corso all’Alitalia), ma lui niente: “Volevo fare il giornalista, anzi: essere giornalista fin dalla quinta elementare, quando un mio tema sul terremoto del Friuli fu premiato”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 431 – settembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”