GOOGLE: SCHMIDT, APPLE CI HA MOLLATO MA VOGLIAMO COLLABORARE

(AGI/REUTERS) – Tokyo, 25 set. – Google accusa Apple di averla mollata sulle mappe dell’iPhone 5, ma rinnova l’invito a collaborare con l’azienda di Cupertino. L’amministratore delegato e presidente di Google, Eric Schmidt chiarisce che la sua societa’ non ha offerto Google Maps all’iPhone 5, dopo che Apple ha preferito rompere il contratto con la stessa Google e farsi il servizio in casa. Il risultato, nonostante il successo dell’iPhone, e’ stato un mezzo disastro e le nuove mappe dell’iPhone 5 si sono rivelate difettose e imprecise. La societa’ olandese TomTom che ha fornito le mappe a Apple precisa di non averle applicate. Sulla scia di queste disavventure, Google accusa Apple di aver deciso lei il divorzio, ma poi fa sapere che vuole restare partner del gruppo di Cupertino. “Pensiamo – dice Schmidt – che avrebbero fatto meglio a lasciare il nostro servizio. Ma cosa posso farci? Non potevamo costringerli a cambiare idea, e’ stata una loro scelta”. Schmidt aggiunge che Google e Apple sono in comunicazione costante, ma ribadisce che e’ stata Apple a decidere il divorzio sulle mappe. “Noi per ora non abbiamo fatto niente” dice. Google e Apple sono stati partner fin dal lancio del primo iPhone nel 2007, con l’inclusione di YouTube e Google Maps sugli smartphone della Apple. Tuttavia l’ingresso sul mercato del sistema operativo Android di Google, ha determinato forti attriti tra i due gruppi, che sono diventati rivali sulle piattaforme mondiali degli smartphones. Schmidt dichiara che Google e’ pronta a restare partner di Apple sui motori di ricerca, ma aggiunge che la scelta finale spetta alla societa’ di Cupertino. “Non faccio prediche – sostiene – Noi vogliamo che siano nostri partner. Lo apprezzeremmo. Non intendo speculare su quello che fanno. Possono darci una risposta con comodo”. (AGI) Gaa

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)