Oscar/ “Cesare deve morire” e’ il film italiano candidato

Lo ha deciso la Commissione di Selezione dell’Anica

Roma, 26 set. (TMNews) – “Cesare deve morire” è il film italiano candidato all’Oscar. Il film di Paolo e Vittorio Taviani rappresenterà  il cinema italiano alla selezione del Premio Oscar per il miglior film in lingua straniera. L’indicazione arriva dalla Commissione di Selezione istituita dall’Anica, su invito della “Academy of Motion Picture Arts and Sciences”.

La Commissione di Selezione per il film italiano da candidare all’Oscar istituita dall’Anica, su invito della “Academy of Motion Picture Arts and Sciences”, riunita davanti a un notaio e composta da Angelo Barbagallo, Nicola Borrelli, Francesco Bruni, Martha Capello, Lionello Cerri, Valerio De Paolis, Piera Detassis, Fulvio Lucisano e Paolo MereghettI ha designato “Cesare deve morire” di Paolo e Vittorio Taviani, a rappresentare il cinema italiano alla selezione del Premio Oscar per il miglior film in lingua straniera, si legge in un comunicato.

Le nomination saranno rese note dall’Academy il prossimo 10 gennaio. Il 24 febbraio 2013, invece, si celebrerà  la serata di premiazione.

Red/Kat

261216 set 12

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo