RAI: GUBITOSI, AZIENDA HA PESSIMA CAPACITA’ DI COMUNICAZIONE

(AGI) – Roma, 26 set. – La Rai “ha pessime capacita’ di comunicazione, che e’ cosa diversa dal fare il giornalista…”. Senza troppi giri di parole Luigi Gubitosi, direttore generale, nel suo giudizio tranchant in commissione di Vigilanza per giustificare la scelta fatta di nominare un’esterna – Costanza Esclapon – alla Direzione Relazioni Esterne, finora retta da Guido Paglia che cessera’ il rapporto di lavoro il 30 settembre per raggiunti limiti di eta’. Gubitosi ha aggiunto “penso di aver fatto una scelta oculata”. Un’altra nomina esterna di peso fatta da Gubitosi e’ quella di Camillo Rossotto, chiamato alla Direzione Finanze della Rai. Il direttore generale di viale Mazzini ha comunque assicurato alla commissione di Vigilanza (dove e’ stato audito con la presidente Anna Maria Tarantola) che a proposito delle risorse interne Rai “faro’ il miglior utilizzo di esse”, anche se ha sottolineato subito dopo che “nessun’azienda ha pero’ il massimo ovunque e deve quindi guardare all’esterno”. Come ha appunto fatto lui per le due posizioni apicali delle Relazioni esterne e della Direzione Finanze, anzi CFO come ha piu’ volte detto a proposito di quest’ultima ricorrendo all’acronimo inglese di Chief Financial Officer e sostenendo, davanti a quei commissari che gli chiedevano cosa volesse significare quella sigla, che “ormai anche da noi si va diffondendo questo modo di comunicare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi