T.I.Media: La7 ipotesi rescissione con Cairo Comm. (MF)

MILANO (MF-DJ)–Il contratto per la raccolta pubblicitaria di La7, La7D, La7.it e La7.tv, che vincola e blocca fino al 2019 Ti Media alla concessionaria Cairo Communication, va rivisto e rinegoziato. E’ questo l’input arrivato dalla capogruppo Telecom, che oggi in consiglio affrontera’ la tematica anche alla luce della querelle legale in corso.  Il contenzioso, scrive MF, promosso dalla societa’ telefonica presieduta da Franco Bernabe’ riguarda l’intero impianto dell’accordo che prevede condizioni particolarmente vantaggiose per la concessionaria fondata, controllata e gestita da Urbano Cairo.  “Il problema esiste, e’ all’ordine del giorno”, dice un consigliere di Telecom e “va risolto prima che si trovi l’acquirente per La7. Perche’ chiunque arrivera’ vorra’ avere mano libera”. In effetti, la durata del contratto (scade nel 2019) ha suscitato piu’ di una perplessita’ tra i potenziali compratori dell’emittente: il fondo Clessidra, il big Usa Discovery Channel e il gruppo telefonico H3g, che avrebbe stretto un’alleanza con la stessa Cairo Communication per spartirsi gli asset in vendita di Ti Media, cioe’ la tv e i multiplex digitali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi