EDITORIA: CONDE’ NAST, PRIMA VOLTA 100 ANNI NERA DIRETTORE

A GUIDA BRIDE,MENSILE PER SPOSE; PIETRA MILIARE IN MONDO RIVISTE

(di Alessandra Baldini) (ANSA) – NEW YORK, 27 SET – L’America da quattro anni ha un presidente nero, ma nel mondo patinato delle riviste Condé Nast non c’era mai stato un direttore di colore. Mai fino a oggi: la casa editrice che pubblica i magazine più famosi del mondo, da Vogue a Vanity Fair, da Wired all’intellettuale New Yorker, ha annunciato la nomina di Keija Minor al timone di Bride, un mensile per spose. Una vittoria per l’eguaglianza. Keija è la prima afro-americana in 103 anni a dirigere una testata Condé Nast ed é una pietra miliare. Nella storia dei magazine patinati americani il numero di direttori non bianchi si conta sulle dita di una mano: nessuno poi nelle testate femminili che sono poi quelle che garantiscono il grosso delle vendite. Questo perché quello delle riviste negli Usa è un mondo tutto a parte: mentre i ranghi degli altri settori del giornalismo – quotidiani e tv – hanno aperto alle minoranze negli ultimi 40 anni, l’industria dei magazine è rimasta indietro, ha detto al Washington Post Richard Prince che cura il blog ‘Journal-ism’ per il Robert C. Maynard Institute for Journalism Education. Sono pochissime le riviste che hanno avuto in posizione di vertice giornalisti di colore: tra questi Newsweek (con Mark Whitaker, ora top executive di Cnn), Men’s Fitness, Money, Teen People (Amy DuBois Barnett, oggi a Ebony) e Billboard. Oprah Winfrey, la regina dei talk show, ha fondato la rivista ‘O’ ma ne ha affidato la direzione ad altri. Questa situazione è in parte dovuta al fatto che l’industria dei magazine è diretta a un pubblico specializzato e ‘segmentato’, e tra questi segmenti quello della razza è dominante. Un mondo ‘autosegregato’ tra bianchi e neri. Testate importanti come Ebony, Jet e Essence, mirati a lettori e lettrici afro-americani, sono confezionati da una squadra di giornalisti e editors di colore. Bride è un caso a parte, con un pubblico che al 40 per cento si definisce afro-americano o ‘latino’. Potrebbe essere una spiegazione. Ma c’é anche chi sostiene che l’assenza di neri ai vertici delle riviste è dovuta a una selezione naturale: molti afro-americani e afro-americane non possono permettersi i lunghi periodi di stage spesso non pagati che alla fine per pochi eletti preludono all’assunzione. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo