Apple/ Navigatore vocale è stato causa divorzio con Google Maps

Funzione già  usata su Android ha messo in svantaggio Cupertino

New York, 28 set. (TMNews) – La causa principale del divorzio tra Google Maps e Apple è stato il disaccordo sull’installazione di un navigatore vocale nel nuovo sistema operativo iOS 6. Una funzione invece già  utilizzata da tempo sui dispositivi Android, che avrebbe messo in una chiara posizione di svantaggio l’azienda di Cupertino.

Dopo l’interruzione dei rapporti tra le due aziende, Apple ha deciso di rimpiazzare Google Maps con un sistema di mappe proprio, installato sull’iPhone 5. La nuova applicazione di Apple, tuttavia, è stata criticata molto, nonostante il successo del nuovo iPhone, a causa delle mappe in alcuni casi difettose e con indirizzi mancanti o errati.

In seguito alle polemiche, l’azienda di Cupertino potrebbe cambiare idea e Google Maps potrebbe rientrare nel nuovo sistema operativo con un’applicazione scaricabile direttamente dall’App Store. Eric Schmidt, amministratore delegato e presidente di Google, sottolinea che le due aziende sono in comunicazione costante e rinnova l’invito ad una nuova collaborazione.

A24/Fcs

280708 set 12

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando