Tv: crescono gli ascolti ma cala la pubblicità 

Condividi

La televisione continua ad essere uno dei mezzi di comunicazione più fruiti in Europa. Ad attrarre i consumatori è soprattutto la varietà  dell’offerta multipiattaforma e la proliferazione di canali tematici, in primis sulla pay tv. Soffre, invece, il mercato pubblicitario, specialmente in Italia e Spagna. Nel 2011, infatti, i ricavi netti da pubblicità  in Europa si sono fermati a 32,1 miliardi di euro, in calo dell’1% rispetto all’anno precedente ma con andamento molto diverso tra i Paesi: mentre Francia, Germania e Regno Unito mantengono livelli di crescita tra lo 0,5 e il 2%, l’Italia segna un decremento del 3,1% e la Spagna addirittura del 10,2%.
Sono alcuni dei dati contenuti nel X Rapporto annuale di ITMedia Consulting, presentato il 27 settembre 2012 nella sede della Fnsi a Roma durante il convegno ‘La svolta digitale’ organizzato dalla Fondazione Luigi Einaudi, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella, il commissario dell’Agcom Antonio Martusciello, il consigliere Rai Antonio Pilati e il consigliere Mediaset Gina Nieri.
In allegato la sintesi della presentazione di Augusto Preta, direttore generale di ITMedia Consulting.

– X Rapporto annuale di ITMedia (.ppt)