Apple/ Codacons: Speculazioni inaccettabile sui prezzi iPhone 5

“In Italia listini più elevati rispetto al resto d`Europa”

Roma, 28 set. (TMNews) – Dura presa di posizione del Codacons contro i listini italiani dell`Iphone 5 decisi dalla Apple, che risulterebbero i più cari d`Europa.

“I prezzi ufficiali del nuovo telefonino appaiono esorbitanti – spiega l`associazione – 729 euro per la versione da 16 Gb, 839 euro per quella da 32 Gb e addirittura 949 euro per la versione da 64 Gb. Ma la cosa davvero grave, è che tali tariffe sarebbero ben più elevate rispetto a quelle praticate in tutti gli altri paesi d`Europa. Rispetto a Germania e Francia, ad esempio, agli utenti italiani verrebbero richiesti 50 euro in più per tutte le versioni del telefonino. Una differenza di prezzo che – secondo gli esperti del settore – sarebbe dovuta ad abili strategie commerciali legate all`elevata propensione degli italiani ad acquistare cellulari”.

Per il presidente del Codacons Carlo Rienzi “è una forma di speculazione inaccettabile gli utenti italiani devono ribellarsi e rifiutare di acquistare l`Iphone 5 fino a che la Apple non diminuirà  i listini al pubblico, allineandoli alla media europea”.

Red/Sav

281125 set 12

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci