Fisco/ A.Entrate su YouTube, servizi e novità  per tutti

Con i video passo passo adempimenti più comuni e agevolazioni

Roma, 1 ott. (TMNews) – L`Agenzia delle Entrate apre uno spazio su YouTube (www.youtube.com/entrateinvideo) per rispondere in modo veloce e a portata di mouse, alla richiesta di informazioni su adempimenti, servizi e novità . E` da oggi online ‘Entrate in video’, il canale YouTube tutto dedicato a contenuti di servizio sui temi fiscali di maggior interesse pratico per i contribuenti.I primi video, così come quelli che seguiranno nelle prossime settimane, riguardano i temi più cercati e più cliccati in rete, selezionati sulla base dei termini ‘breakout’, ossia le parole chiave in vetta alle classifiche di popolarità  nelle statistiche di ricerca su Google.I video illustrano passo passo gli adempimenti più comuni, le agevolazioni a disposizione e le nuove opportunità . Dal 2004 a oggi, i volumi di ricerche su Google.it per la chiave ‘Agenzia delle Entrate’ sono più che raddoppiati, un chiaro indicatore dell`interesse degli italiani ad approfondire i temi legati al mondo del Fisco. Per questo è stato realizzato un apposito canale YouTube a costo zero dall`Amministrazione, infatti l`uso della piattaforma è gratuito e i tutorial sono tutti autoprodotti.  Tra i primi temi illustrati dai funzionari del Fisco, la tessera sanitaria, la cedolare secca sulle locazioni, Fisconline e il codice Pin per accedere ai servizi web. E ancora, Siria e Iris per registrare online i contratti di affitto e tutti i modi per entrare in contatto con le Entrate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)