WIKIPEDIA: NUOVO APPELLO FONDATORE PER DONAZIONI

JIMMY WALES AGLI UTENTI, SERVONO PER PROTEGGERCI E SOSTENERCI

(ANSA) – ROMA, 1 OTT – “Se ogni persona che legge questo messaggio donasse 5 euro dovremmo raccogliere fondi solo un giorno all’anno. Ma non tutti possono o vogliono dare un contributo. Finora, ogni anno siamo riusciti a convincere un numero appena sufficiente di persone. Quest’anno ti prego di prendere in considerazione l’idea di donare 5, 20, 50 euro o quello che puoi per proteggere e sostenere Wikipedia”. E’ uno dei passaggi dell’appello di Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia, che ogni anno rivolge agli utenti. “Quando ho fondato Wikipedia, avrei potuto farne una società  a scopo di lucro, inserendo banner pubblicitari ma ho deciso diversamente. Negli anni abbiamo lavorato sodo per mantenerla essenziale e agile. Ci crediamo e ci stiamo riuscendo, i fronzoli li lasciamo agli altri”, aggiunge Wales nell’appello pubblicato nell’homepage. “Vendere è legittimo. E la pubblicità  non è negativa di per sé. Ma qui, su Wikipedia – ribadisce come ogni anno il suo fondatore – è fuori luogo. Wikipedia è qualcosa di speciale. E’ come una biblioteca o un parco pubblico. Come un tempio per la mente. E’ per tutti, possiamo andarci per riflettere, imparare, condividere la nostra conoscenza con gli altri”. Wales, a sostegno della causa, ricorda infine che “Google ha qualcosa come un milione di server. Yahoo un organico di circa 12.000 persone. Noi – dice – abbiamo 641 server e 140 dipendenti. Wikipedia è il quinto sito più visitato al mondo e ogni mese è utile a 492 milioni di persone che visualizzano miliardi di pagine”. L’enciclopedia online – nel 2011 ha compiuto 10 anni – lo scorso anno ha raggiunto i 16 milioni di dollari raccolti: hanno contribuito 500 mila persone in 140 paesi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)