La tv ha un futuro sociale

“Se, come risulta dalle ricerche di Google, il 77% delle persone che guardano la televisione ha a portata di mano anche un altro device, la tv ha certamente un futuro sociale”, dice David Wertheimer, presidente della divisione digital di Fox Broadcasting Company che ha partecipato all’incontro organizzato oggi al Mipcom dal titolo ‘Show me the way to the future of TV’. “Il 25% del pubblico compreso tra i 18 e i 34 anni si sintonizza su uno show per la prima volta perchè ne ha sentito parlare sui social media, quota che sale al 30% tra i ragazzi di 15-17 anni”, prosegue Wertheimer. Si realizza così un ecosistema unico tra tv e mondo digitale. “Broadcaster e produttori dovranno essere in grado di creare ‘contenuti condivisibili’ attorno ai programmi televisivi in modo da sensibilizzare il pubblico prima del loro debutto in onda”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Riccardo Pugnalin lascia Sky Italia. In arrivo la riorganizzazione dell’area Communication and Public Affairs

Riccardo Pugnalin lascia Sky Italia. In arrivo la riorganizzazione dell’area Communication and Public Affairs

Si lavora alla fusione Audiweb-Audipress per una rilevazione della total audience che unisca online e carta. Sponsor Upa

Si lavora alla fusione Audiweb-Audipress per una rilevazione della total audience che unisca online e carta. Sponsor Upa

Roberto Sergio (Rai Radio) avverte Ter: “senza adeguamenti, via a una rilevazione degli ascolti autonoma con meter”

Roberto Sergio (Rai Radio) avverte Ter: “senza adeguamenti, via a una rilevazione degli ascolti autonoma con meter”