It: al palo imprese tradizionali e P.A., cresce web

ROMA (MF-DJ)–L’Information Technology tradizionale sta seguendo il trend recessivo generale mentre sta emergendo una Nuova IT in controtendenza e legata al mondo del Web, del Social, del Mobile, del Cloud. Complessivamente pero’ la media del mercato nel 2012 e’ pienamente recessiva: -3,2%.
Questa la prima fotografia dell’Assintel Report 2012, la ricerca annuale sul mercato del Software e Servizi IT in Italia effettuata da Nextvalue per conto di Assintel, l’associazione nazionale delle imprese Ict di Confcommercio-Imprese per l’Italia. Lo studio, presentato oggi a Roma nel corso di un convegno, e’ stato reso possibile anche grazie al contributo di alcuni fra i piu’ rappresentativi operatori dell’Information Technology italiana: Amadeus Italia, Econocom, Elelco, Gesp, Ibm, InfoCamere, Oracle, Present, Ricoh.
“Oggi la nostra economia si trova in guerra. C’e’ chi sta in trincea con gli elmetti lottando quotidianamente per difendersi; e poi ci sono i capitani coraggiosi, con lo sguardo oltre l’orizzonte, che prefigurano l’evoluzione del mercato verso un’economia del digitale – cosi’ commenta Giorgio Rapari, Presidente di Assintel e della Commissione Innovazione e Servizi di Confcommercio-Imprese per l’Italia -. Oggi Internet impatta su ogni business e il suo ruolo nella nostra economia va crescendo sempre piu’ rapidamente: quello che ancora manca e’ un adeguamento infrastrutturale e politico alle nuove dinamiche. Il Decreto per lo Sviluppo Digitale muove alcuni passi coraggiosi, altri piu’ conservativi: la sfida sara’ legata alle norme di attuazione, al coordinamento fra i vari attori istituzionali, alla ripresa degli investimenti nella Pubblica Amministrazione e infine alla reale disponibilita’ di incentivi per chi innova”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)