Il mercato media e intrattenimento in Italia

L’industria dei media e dell’intrattenimento in Italia raggiungerà  60,8 miliardi di euro nel 2016, rispetto ai 51,3 miliardi del 2011 derivanti per circa 8,9 miliardi dall’advertising e per 42,5 miliardi dalla spesa dei consumatori finali. I due principali trend che caratterizzeranno questo mercato saranno la migrazione verso le tecnologie digitali e lo spostamento degli investimenti dal publishing ad altri segmenti. Pur includendo la compenente digitale, si prevede infatti che il valore totale dei segmenti publishing (quotidiani, periodici, riviste tecniche, editoria specializzata) risulterà  inferiore, nel 2016, rispetto a quanto registrato nel 2011.
Sono questi i principali driver evidenziati nel rapporto ‘E&M Outlook in Italy 2012-2016’ presentato a Milano il 4 ottobre 2012 da PwC, che per il quarto anno consecutivo descrive in dettaglio i trend relativi a 12 segmenti del mercato E&M in Italia.

– Rapporto Pwc: sintesi dei risultati (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

Tlc, il Covid pesa sui conti. Dati Mediobanca: in Europa vince Deutsche Telekom, la Spagna supera l’Italia per fatturato

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery

I quotidiani quest’anno perdono un quarto delle copie e dal 2016 dimezzano le vendite. Agcom: Rai leader per share tv; cresce Discovery