A SAN FRANCISCO LO SCOOTER ELETTRICO VA CON LO SMARTPHONE

INEDITO SISTEMA DI SCOOTER SHARING

(ANSA) – ROMA, 22 OTT – Debutta a San Francisco un inedito sistema Scoot Network per il noleggio di scooter elettrici gestiti con lo smartphone. Basta solo un iPhone o uno smartphone Android, secondo quanto quanto riferisce Wired, per trovare uno degli scooter di Scoot Network, sapere se è libero, avviarlo e pagare anche la tariffa di noleggio. L’idea scooter-sharing è della start-up Scoot Networks che offre a noleggio gli Scoot, piccoli e agili scooter prodotti in Cina, elettrici al 100%, silenziosi, non inquinanti, da gestire con il proprio smartphone. Niente spese di acquisto, carburante, tassa di proprietà , assicurazione, tagliandi e altro ancora. La Scoot Networks ha cominciato con la diffusione di cinquanta Scoot nei punti nevralgici di San Francisco, tutti rossi, pronti ad essere noleggiati e usati per la città  con il proprio smartphone. Per partecipare allo sharing Scoot Networks si pagano 10 dollari di iscrizione, 5 dollari al mese per mantenerla attiva, un canone di 5 dollari l’ora o un abbonamento di 10 dollari al giorno per l’utilizzo. Con 19 dollari è possibile fare l’abbonamento mensile con due possibilità  di utilizzo. Un giornaliero dalle 8 alle 18, oppure il notturno dalle 17 alle 10 del giorno dopo. La procedura è quanto mai semplice. Basta scaricare da Internet l’applicazione App Scoot Network, cercare lo scooter più vicino e inserire con un gesto elementare il proprio smartphone nel dock universale installato a centro manubrio, al posto della strumentazione. In un attimo, e in totale automatismo, l’App indica se il veicolo è disponibile per il noleggio e se sono in regola iscrizione e canone. Soddisfatte rapidamente le procedure, appare sul display dello smartphone il codice di sblocco con cui avviare lo scooter e aprire la serratura del vano in cui è riposto il casco. Gli Scoot a noleggio si possono guidare senza patente, raggiungono la velocità  di 48 km/h, hanno un’autonomia media di 25 km e, a fine carica, richiedono da 6 a 8 ore per la ricarica. Per ora l’esperienza è circoscritta all’Area di San Francisco. E non ci sono programmi per la diffusione in Europa.(ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)