La legge ammazza informazione

Pubblichiamo qui di seguito il testo del disegno di legge sulla Diffamazione licenziato il 23 ottobre 2012 dalla Commissione Giustizia del Senato e approdato il giorno seguente alla Camera.
Da 5 mila a 100 mila euro di multa la pena pecuniaria prevista in caso di diffamazione a mezzo stampa. Il ddl introduce la pena accessoria dell’interdizione dalla professione del giornalista ritenuto colpevole (per un periodo da uno a sei mesi, e da uno a tre anni in caso di reiterazione).
C’è anche la norma che riguarda i ‘dossieraggi’ o la cosidetta ‘macchina del fango’ che prevede oltre alla multa per il giornalista, direttore o editore considerati colpevoli un risarcimento danni per la parte offesa non inferiore a 30 mila euro.
Il ddl interviene anche per regolare il web instituendo ‘il diritto all’oblio’ che permette di chiedere a un sito web (giornalistici e non) di cancellare un articolo, un link, un’immagine che si riferiscono a dati personali considerati offensivi dagli interessati.

– Disegno di legge sulla Diffamazione (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica