EBay/ Personalizzare l`esperienza dello shopping

Consumatori cercano prezzi migliori e offerta più ampia

Roma, 24 ott. (TMNews) – “Nell`era dell`economia data-driven eBay ha capito che bisogna personalizzare l`esperienza dello shopping”. Lo afferma Giovanni Ruosi, Senior Manager Shopping Experience eBay.it, in vista della presentazione domani dei risultati della ricerca 2012 dell`Osservatorio eCommerce B2 Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano. “I consumatori – spiega – cercano i prezzi migliori e una offerta più ampia, e ciò fa crescere gli acquisti su internet. Per questo eBay investe nell`innovazione seguendo e a volte anticipando i trend che stanno trasformando il commercio: la tendenza a fare acquisti locali, l`influenza dei social network, la digitalizzazione generale del mercato e soprattutto la fortissima spinta del mobile, intesa come massima flessibilità “.  “Per esempio, grazie ai negozi virtuali, gli eBay shops – prosegue Ruosi – la piattaforma offre una vetrina globale dove piccole, medie e grandi imprese possono raggiungere migliaia di acquirenti senza sostenere le spese di un negozio fisico. La capacità  di liberare il potenziale di piccoli e medi imprenditori è evidente, ad esempio, dal fatto che nel 2011, 25 venditori professionali hanno raggiunto, nell`arco di un solo anno, 1 milione di euro (o più) di fatturato nella loro attività  di vendita online, registrando una crescita del 62% in un solo anno.  Oltre ai venditori individuali e piccoli commercianti, anche i top brand scelgono eBay quale canale preferenziale per potenziare le loro vendite e migliorare il servizio al cliente. Unendo la potenzialità  del commercio globale e la comodità  del commercio locale”, conferma Ruosi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)