Le start up in Italia: fatti e trend

Per la maggior parte (59%) ancora progetti di impresa, le startup italiane sono presenti più al Nord (52%) che altrove, impegnate in ambiti web (49%) e Ict (21%) e formate da 2-3 soci tra i 26 e i 35 anni. I founder ne decidono la localizzazione in base al network di contatti (69%) e ben il 25% non è alla prima startup.
Questi alcuni dei dati emersi dalla II edizione della Mind the Bridge Survey ‘Startups in Italy: Facts and Trends’, presentati il 26 ottobre 2012 al Venture Camp presso la sede del Corriere della Sera.

– Startups in Italy: Facts and Trends (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

L’odio online corre soprattutto su Twitter. Mappa Vox dell’intolleranza: con pandemia rallenta, ma si radicalizza; donne i primi bersagli

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online