CRISI: AGCOM, SI AMPLIA SPREAD DIGITALE ITALIA MEDIA UE

(ANSA) – ROMA, 7 NOV – Lo spread digitale dell’Italia rispetto ai partner comunitari si fa sempre più ampio. Ad evidenziarlo è il presidente dell’Autorità  delle comunicazioni Angelo Marcello Cardani, in audizione alla Commissione Industria del Senato. Sul piano dell’ e-governement, “la percentuale di popolazione che ha dialogato almeno una volta on line con la pubblica amministrazione negli ultimi 12 mesi – ha detto Cardani – in Italia è pari al 22% contro una media Ue del 41%, con 11 paesi che hanno già  superato la soglia obiettivo stabilita da Bruxelles per il 2020”. Per quanto riguarda l’e-commerce, ha detto ancora il presidente Agcom, “l’Italia è terz’ultima con una quota del 15% di popolazione, a fronte del 42,7% di media Ue, con 9 paesi oltre la soglia-obiettivo”. Il presidente dell’Agcom ha inoltre evidenziato che tali canali potrebbero essere maggiormente sfruttati dalle piccole e medie imprese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)