Russia/ Nuova lista nera di siti Web, bloccati 180 indirizzi

“I nostri esperti stanno lavorando sodo”

Mosca, 9 nov. (TMNews) – Nuova lista nera di siti Web in Russia: sono oltre 180 gli indirizzi bloccati per contenuti considerati offensivi. E anche se i gruppi per i diritti umani hanno condannato la mossa come un tentativo di reprimere ulteriormente la libertà  di internet, l’attività  continua e si stanno valutando altre 6.000 denunce per contenuti offensivi. “I nostri esperti stanno lavorando sodo e oggi più di 180 siti web sono stati aggiunti al registro” ha detto Aleksandr Zharov, a capo del Roskomnadzor, l’Authority russa competente. “Restano solo tre siti che devono ancora essere bloccati dai provider ospitanti. Si trovano al di fuori della Russia”, ha aggiunto. La legge per creare un registro di siti web dai contenuti nocivi, ossia una lista nera, è stata approvata dal parlamento russo nel mese di luglio. In base a tale legge, le autorità  possono bloccare l’accesso a siti contenenti pornografia infantile, materiale su droghe e dettagli su come suicidarsi. L’agenzia ha lanciato il suo registro all’indirizzo zapret-info.gov.ru il primo novembre. Nelle prime 24 ore di funzionamento, zapret-info.gov.ru ha registrato oltre 5.000 denunce per contenuti offensivi, il 96 per cento dei quali sono stati respinti. Il primo sito che contiene pornografia infantile è stato mandato offline martedì scorso. Nel frattempo le società  di social networking, come VKontakte (un’alternativa russa a Facebook) sono state invitate a rimuovere il materiale offensivo. La scorsa settimana, Google e YouTube hanno dato l’ok per ricevere informazioni dal registro russo su siti pericolosi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)