DIFFAMAZIONE: SIDDI (FNSI), SE AVANTI COSI’ SCIOPERO INEVITABILE

(AGI) – Roma, 21 nov. – “L’unica risposta, se si vuole il bene dell’Italia, e’ uno stop a questa proposta di legge diventata impresentabile. Non si surriscaldi ancora la temperatura. Se si va avanti cosi, anche uno sciopero generale potrebbe essere inevitabile”. Ad affermarlo e’ Franco Siddi, segretario generale della Federazione nazionale della stampa italiana. “Il rispetto per le istituzioni parlamentari – sottolinea – non ci fa velo e non ci impedisce di ribadire le ragioni della coerenza e del senso di una giustizia giusta. Al punto in cui si trova, la proposta di legge sulla diffamazione a mezzo stampa e’ improponibile, fomenta scontro e alimenta ingiustizia”.
Per Siddi, la proposta “non passerebbe neppure un serio vaglio di costituzionalita’. Sta diventando un’assurda provocazione, quasi una ricerca di scontro sociale, dopo aver gia’ marcato la via, indecorosa, di un regolamento di conti. La saggezza dei vertici parlamentari s’imponga sulle irragionevolezze e sulle spinte muscolari. La temperatura sociale e’ gia’ molto calda, il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa sta osservando con inquietudine quanto sta accadendo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)