Diffamazione/ Rete Giulia: No a bavaglio all’informazione

Roma, 26 nov. (TMNews) – “Anche GiULiA protesta e si appella al Senato perchè si fermi e non approvi la legge sulla diffamazione: inaccettabile bavaglio all’informazione che minaccia il carcere per le giornaliste e i giornalisti italiani”. E’ quanto si legge in una nota di Alessandra Mancuso, portavoce di Giulia (Giornaliste Unite Libere Autonome).
“Saremo alla fiaccolata di protesta con la Federazione della stampa, in piazza del Pantheon, e siamo pronte – spiega – alla disobbedienza civile per salvaguardare il diritto di tutte e di tutti ad una informazione libera e completa. Non ci piegheremo alla vendetta della casta che vorrebbe intimidire il giornalismo d’inchiesta ammutolendo le notizie sulla corruzione che la vede coinvolta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo