Internet: Bernabe’, preoccupato di privacy e sicurezza

MILANO (MF-DJ)–Il Presidente esecutivo di Telecom Italia, Franco Bernabe’, si e’ detto preoccupato della tutela della privacy e della sicurezza su internet, “temi spesso sottovalutati, a cui soprattutto i giovani non fanno attenzione”.
Il numero uno del gigante italiano delle tlc ha fatto riferimento in particolar modo a Facebook, ai suoi 400 miliardi di foto, con possibilita’ di taggare, sottolineando come il nazismo abbia impiegato due anni a individuare gli ebrei “mentre ora potrebbe farlo con un click”.
“Attenzione, perche'”, ha proseguito Bernabe’, “il mondo non sara’ sempre pacifico e se un Paese civile come la Germania ha fatto quello che ha fatto, la privacy e’ un tema che non va sottovalutato”. “Chissa’ se non potra’ avvenire un giorno qualcosa di simile o addirittura di peggiore”.
Per Bernabe’ e’ importante quindi che la regolazione che e’ stata applicata sulle tlc “venga distribuita e ribaltata anche sulle societa’ di internet, perche’ sono preoccupato dall’assenza di regole in questo mondo, che a lungo andare puo’ creare dei problemi”.
Infine, il Presidente esecutivo di Telecom Italia, al termine del proprio discorso ha lanciato un monito. “Mi chiedo quando il potere dei social network determinera’ le scelte politiche. Se questo sia compatibile con la democrazia”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)