EDITORIA: SNAG, NO AD ACCORDO SU ABBONAMENTI IN EDICOLA

(ANSA) – ROMA, 27 NOV – “Confermiamo la nostra contrarietà  alle condizioni economiche con cui è stato imposto questo accordo e, sulla base delle reazioni degli edicolanti associati, guardiamo con perplessità  e timore ad una eventuale partenza della fase test”: Armando Abbiati, presidente dello Snag (Sindacato nazionale autonomo giornalai, aderente a Confcommercio), commenta la notizia della firma dell’accordo tra Fieg, Felsa-Cisl e Fenagi-Confesercenti sugli abbonamenti in edicola. “Riteniamo che l’abbonamento in edicola sia un’ottima iniziativa – continua Abbiati in una nota – che potrebbe ridare un po’ di ossigeno a tutta la filiera, ma a queste condizioni è destinato all’insuccesso e al danneggiamento dell’intera rete di vendita. Continueremo a contrapporci ad iniziative e condizioni imposte unilateralmente agli edicolanti strangolati dall’attuale crisi del settore. Vogliamo essere partner degli editori – conclude – per impostare strategie comuni di filiera a supporto delle vendite. Non possiamo continuare a sopportare operazioni basate sul taglio di costi a svantaggio dell’anello più debole della catena (edicole) dovute soprattutto alla mancanza di idee di sviluppo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo