Siria/ Reporter ucraina rapita appare in video: lavoro per Russia

Beirut, 29 nov. (TMNews) – La giornalista ucraina sequestrata a inizio ottobre in Siria da ribelli, che si sono autoproclamati membri dell’Esercito siriano libero (Asl), ha affermato di aver lavorato con i servizi di intelligence russi e siriani, in un nuovo video girato dai rapitori e pubblicato su internet.
Ankhar Kochneva ha spiegato in particolare di essere arrivata in Siria su richiesta dei servizi segreti russi, per svolgere mansioni di interprete per funzionari russi e siriani.
Praticamente certo che queste dichiarazioni siano state pronunciate sotto “dettatura” dei rapitori, che comunque non sono ripresi dalla telecamera. La donna si è espressa in perfetto arabo, è apparsa in buona salute e ha raccontato di aver partecipato a diverse battaglie a fianco di ufficiali russi e siriani, in particolare a Homs, soprannominata la “capitale della rivoluzione” dai militanti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)