Gb/ Atteso oggi rapporto su scandalo Bbc-Savile

Roma, 19 dic. (TMNews) – E’ atteso per oggi il rapporto sull’operato della Bbc in merito allo scandalo Savile, popolare presentatore dell’emittente radiotelevisiva pubblica britannica, ora deceduto, accusato di aver violentato decine di donne, molte giovanissime, nel corso di diversi decenni.
La Commissione Pollard, istituita dalla stessa Bbc, è stata incaricata di verificare se vi siano stati errori, omissioni o coperture, nella gestione della vicenda da parte del managment dell’emittente. In particolare la Pollard Review dovrà  spiegare i motivi alla base della cancellazione di un’inchiesta per la trasmissione Newsnight che aveva per oggetto i presunti abusi sessuali della star della Bbc.
Secondo Scotland Yard, la serie di presunti crimini della defunta star televisiva è “senza precedenti” in Gran Bretagna: l’ex presentatore della Bbc dal caschetto biondo – e poi bianco – è sospettato di 199 reati, tra cui 31 accuse per stupro. Dieci settimane dopo che la polizia britannica ha cominciato a indagare sulle accuse di pedofilia dirette contro Savile, 589 persone si sono fatte avanti per fornire informazioni, che in 450 casi riguardavano il mattatore tv e spesso si trattava di abusi sessuali. L’80% delle vittime erano bambini o gente giovane, secondo la polizia, mentre l’82% di chi ha sporto denuncia era donna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)