Google: fine calendario Maya, un doodle per la profezia

(ASCA) – Roma, 21 dic – Fine del calendario Maya: 21 dicembre 2012, finisce il mondo. E invece no, siamo ancora tutti vivi, anche Google, che questa mattina celebra la temuta profezia dedicandole un doodle statico: delle antiche scritture raffiguranti il nome di Big G. Il 21 dicembre 2012 e’ la data del calendario gregoriano nella quale secondo alcune credenze si dovrebbe verificare un evento, di natura imprecisata e di proporzioni planetarie, capace di produrre una significativa discontinuita’ storica con il passato: una qualche radicale trasformazione dell’umanita’ in senso spirituale oppure la fine del mondo. L’evento atteso viene collegato temporalmente alla fine di uno dei cicli (baktun) del calendario Maya. Nessuna di queste credenze ha tuttavia alcun fondamento scientifico e sono state piu’ volte smentite dalla comunita’ geofisica e astronomica. Tant’e’ che oggi, invece, si verifichera’ semplicemente il solstizio d’inverno, ma con la particolarita’ che si allineeranno ben cinque pianeti al Sole: Marte, Terra, Mercurio, Giove e Plutone.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)