Wikileaks/ Assange: nel 2013 pubblicheremo un milione documenti

Londra, 20 dic. (TMNews) – WikiLeaks, specializzato nella divulgazione di rapporti segreti, pubblicherà  un milione di documenti nel 2013. Lo ha annunciato il fondatore del sito internet Julian Assange, in un intervento dal balcone dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra dove si è rifugiato da sei mesi.
“WikiLeaks prepara la pubblicazione di un milione di documenti, documenti che toccano tutti i Paesi nel mondo, tutti i Paesi in questo mondo”, ha dichiarato Assange, con un tono combattivo e accompagnato dagli applausi di un centinaio di sostenitori.
WikiLeaks ha già  in particolare pubblicato rapporti dell’esercito americano su Iraq e Afghanistan e 250mila cablogrammi americani, scatenando l’ira di Washington. “Da sei mesi, 185 giorni fa, sono entrato in questo edificio, che è diventato la mia abitazione, il mio ufficio e il mio rifugio”, ha sottolineato Assange in un secondo intervento pubblico all’ambasciata dell’Ecuador, dove si è rifugiato. “La porta è aperta, la porta è sempre aperta per chiunque voglia parlarmi” per risolvere la situazione, ha aggiunto nel suo discorso, durato una decina di minuti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)