da condirettore di ‘Marie Claire’ a vice direttore di ‘Vanity Fair’

Alla vice direzione di Vanity Fair, primo settimanale della sua vita professionale, è arrivata con quella ventata di rinnovamento che il direttore Luca Dini ha improvvisamente impresso al giornale tra l’estate e l’autunno. E il cambiamento è notevole anche per lei perché a Marie Claire, dove da tre anni era condirettore, Antonella Bussi lavorava dalla fine del ’98.
Esperta di bellezza, con molta sensibilità  al costume e un taglio intelligentemente legato all’attualità , a Marie Claire Bussi ha fatto tutta la carriera, ha lavorato con il direttore Antonella Antonelli alla nascita e allo sviluppo delle brand extension e ha vissuto quella che definisce “una felice esperienza d’integrazione tra il giornale e il sito”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 434 – Dicembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

Nasce il sindacato dei lavoratori di Google, il primo nella Silicon Valley. Il Nyt: una rarità nell’industria hi-tech

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

L’Istituto nazionale di fisica nucleare guida un progetto digitale della Ue in difesa del patrimonio culturale europeo

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future

Vaccarono (Google) e Cereda (Ibm) nel board della Veneranda Fabbrica del Duomo. Il presidente Confalonieri: un prezioso sostegno per le sfide future