da direttore del ‘Messaggero’ a direttore del ‘Tg1’

Ormai l’abbiamo capito: la corsa di Mario Orfeo non prevede lunghe soste intermedie e l’andatura è quella di un galoppo costante e ritmato. Se nella primavera del 2011 era entrato a Via del Tritone come direttore del Messaggero, se solo qualche settimana fa aveva solennizzato il restyling del quotidiano romano con il conforto del tout-Rome e del tout-Milan, Orfeo già  scalpitava all’idea di approdare al Tg1, luogo ambito come pochi e insieme veicolo affollato più di guidatori che di passeggeri. Alla fine però, sbaragliando il nemico (Monica Maggioni e Marcello Sorgi), Orfeo si è così insediato su una delle poltrone più concupite dal giornalismo italiano, quella ammiraglia che ultimamente ha perso molto del suo appeal ed è stata al centro di infinite discussioni per non dire liti. La Rai Orfeo la conosce bene avendo guidato, e con onore, il Tg2 dal 2009 al 2011. Sa cosa trova e sa quale tuta mimetica deve indossare per evitare di farsi impallinare dai cecchini appostati sui tetti di Saxa Rubra.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 434 – Dicembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Milanesiana 2021, 65 appuntamenti nel nome del Progresso

Milanesiana 2021, 65 appuntamenti nel nome del Progresso

Usigrai in piazza il 12 maggio, presidi in diverse città italiane: Per una Rai libera e una riforma rapida

Usigrai in piazza il 12 maggio, presidi in diverse città italiane: Per una Rai libera e una riforma rapida

World Press Photo parte da Torino, 159 foto a Palazzo Madama dal 7 maggio al 22 agosto. Tra i finalisti tre italiani

World Press Photo parte da Torino, 159 foto a Palazzo Madama dal 7 maggio al 22 agosto. Tra i finalisti tre italiani