Facebook/ Arriva la gift card: funziona come una carta prepagata

Condividi

New York, 1 feb. (TMNews) – Facebook, lo sanno tutti, aiuta a restare in contatto con i propri amici. Ma da ieri dà  anche la possibilità  di fare regali, inviando alle persone preferite da un utende del social network una carta prepagata con la quale fare acquisti in alcuni negozi convenzionati. Il gruppo guidato da Mark Zuckerberg ha lanciato la Facebook Card, una carta che ogni iscritto può inviare a un amico caricandola con la quantità  di soldi desiderata. Insomma, funziona come una carta prepagata.
Ma come funziona? Si sceglie l’importo e la persona a cui inviare il regalo. La carta sarà  spedita per posta all’amico scelto che potrà  usarla in determinati negozi: per ora si parla di Sephora, Olive Garden, Jamba Juice, Target, ma presto potrebbero aggiungersi altri esercizi commerciali. Altro dato da non sottovalutare: sarà  attiva solo negli Stati Uniti e non si sa ancora quando arriverà  in Italia e nel resto del mondo. La carta è ricaricabile: chi decide di fare un regalo alla stessa persona che ha già  ricevuto la carta in questione, può semplicemente versarvi in automatico l’ammontare desiderato di denaro. E la persona che riceve i doni potrà  vedere online quanti soldi gli sono stati versati e da chi.
La novità  si aggiunge così a un altro servizio di regali lanciato lo scorso anno dal social network, che permette di scegliere, comprare e inviare un regalo a un amico. Sempre online, sempre su Facebook.
C’è da dire però che la nuova frontiera dei regali battuta dal gruppo di Menlo Park, California, non sta dando i risultati sperati. Almeno per ora. In una nota Facebook ha, infatti, ricordato che questo business non sta portando grandi introiti nelle casse della società .
David Ebersman, il direttore finanziario di Facebook, ha dichiarato che il gruppo rimane entusiasta del potenziale a lungo termine dell’operazione, ma che le entrate correnti legate ai regali sono molto piccole. “Ci aspettiamo nel 2013 che i contributi di queste iniziative rimarranno ancora molto bassi”, ha detto. Tuttavia la mossa del gruppo di Zuckenberg non è stata fatta a caso: si inserisce, infatti, in un mercato che ogni anno produce un business multimiliardario. E Facebook non vuole di certo lasciarselo scappare.