CRISI:EDITORIA;FRANCIA,NUOVI SCIOPERI,NO GIORNALI IN EDICOLA

Condividi

POLIGRAFICI CONTRO PIANO TAGLI. EDITORI, ‘GRAVITA’ ECCEZIONALE’

(ANSA) – PARIGI, 6 FEB – Continua la fitta serie di scioperi e agitazioni nel settore dell’editoria e della distribuzione, a causa dei quali da oltre un mese i giornali francesi sono spesso assenti dalle edicole. Del tutto introvabili, ormai, i giornali stranieri, ridotti all’osso (due quotidiani per l’Italia) e spesso in ritardo. La totale assenza dei giornali, oggi, è dovuta a uno sciopero del sindacato dell’editoria Cgt (comunista), nel quadro del più vasto conflitto della società  di stampa e distribuzione Presstalis. La particolarità  di oggi è che, consci che la distribuzione dei giornali sarebbe stata oggi ancora più difficile dei giorni scorsi, gli editori hanno deciso collettivamente di non farli nemmeno stampare. Tutti sono disponibili on line. Sono state più di 30 le proclamazioni di blocco totale o parziale, in diversi casi prolungate, dal mese di ottobre. Presstalis, salvata in extremis dal fallimento nel 2012, è alle prese con un piano di ristrutturazione interno che prevede il taglio di 1.250 posti di lavoro su 2.500. Gli editori denunciano l’atteggiamento del sindacato maggioritario dei poligrafici come “eccezionalmente grave e senza precedenti”. “Senza una soluzione rapida – aggiungono i ‘patron’ dei giornali – è tutto il settore industriale e logistico della stampa ad essere gravemente minacciato e, in prospettiva, la stessa esistenza dei quotidiani”.(ANSA).