TELECOM: ASATI, VENDITA LA 7 NON E’ OPPORTUNA

Condividi

(ANSA) – MILANO, 6 FEB – Asati, l’associazione dei piccoli azionisti Telecom, invita a non vendere La7. Alla vigilia del cda, in una lettera ai vertici e al board del gruppo, il presidente dell’associazione, Franco Lombardi sottolinea che “non è opportuno venderla” perché “é il terzo polo Tv, con audience in crescita e struttura dei costi migliorabile. La vendita a soggetti in possibile conflitto di interessi con gli azionisti di controllo, non solo non porta benefici finanziari, ma anzi potrebbe comportare effetti negativi ed esuberi”. Asati si dice poi favorevole “alla conclusione di un accordo con cdp”. “A complemento di quanto ottenibile dall’accordo” con Cassa depositi e prestiti “ci aspettiamo – evidenzia Lombardi – che nella prossima Assemblea venga approvato un aumento di capitale al quale auspichiamo aderisca Telco”. L’associazione chiede anche che il nuovo piano industriale persegua “il rilancio dell’offerta di nuove applicazioni e servizi”. Asati invita, quindi, ad una riduzione “delle retribuzioni del top Management e delle risorse strategiche” perché “ingiustificate rispetto ai risultati” e ad una modifica dello statuto societario nella parte relativa “all’elezione del cda” per eliminare, secondo l’associazione, “le attuali norme antidemocratiche”.(ANSA).