EDITORIA: APPELLO COOP, RIFORMA TRA PRIMI PUNTI GOVERNO

Condividi

(ANSA) – ROMA, 12 FEB – “Il sistema dell’informazione e della comunicazione in Italia è profondamente malato, condizionato dal continuo decalage della domanda d’informazione, dalle difficoltà  a continuare rispondere alla crisi con continue ristrutturazioni, dalla complessità  a seguire e ad appropriarsi delle nuove tecnologie, dalla crescente carenza di risorse e dall’incapacità  di rispondere alla domanda, forte, di lavoro delle giovani generazioni”. Lo dichiarano Aci Comunicazione, Agci Culturalia, Federcultura Confcooperative, Mediacoop Legacoop. “Le nostre imprese – prosegue la nota – nella consapevolezza di quanto la comunicazione e l’informazione siano essenziali per la vita democratica del Paese chiedono al Governo che sarà  eletto, di porre rapidamente all’ordine del giorno la riforma del Sistema dei media. Non è un compito facile – basta guardare all’incapacità  dei Governi delle due ultime legislature – perché non si tratta di elaborare politiche difensive o di incentivi. Se lo si vuole affrontare seriamente occorre porsi i problemi non eludibili del conflitto di interessi, della corretta e pluralista allocazione delle risorse pubblicitarie, dei fabbisogni innovativi per seguire le evoluzioni tecnologiche, del sistema dell’emittenza radiotelevisiva e, al suo interno, della riforma della RAI e, infine, del temperamento e del controllo dei processi di concentrazione editoriale. Il tutto con la consapevolezza della necessità  di salvaguardare il pluralismo delle posizioni e di esaltare le esperienze, i siti valoriali locali e la cultura diffusa sul Paese”. “In ogni caso – si legge ancora -, chiediamo, specificatamente, che, nel quadro delle politiche di sostegno che favoriscano l’innovazione, la crescita della domanda di informazione, il sostegno al riposizionamento di editori e delle professionalità  dei giornalisti e lavoratori dell’informazione, sia posta una particolare attenzione alle esperienze editoriali “pure”, all’impresa cooperativa, a quella non profit -che rappresentano la forma più diffusa di ingresso dei giovani nel mondo dell’informazione- all’editoria di idee e a quella di testimonianza”.(ANSA).